martedì 25 settembre 2012

Un bacio sfiorato.




Sento un oceano agitarmisi dentro, 
un cane che abbaia nella mia testa, 
il vento possente che spazza via tutto...
e con esso sentimenti, certezze, passioni, sicurezze, illusioni.
Mi vien voglia di urlare, di piangere, ridere, scappare...
mi vien voglia di correr via lontano e dimenticare...
e forse non servirebbe comunque...
Ho paura del futuro, di quello che ci aspetta, di quello che vivremo.
Ho paura di guardare una felicità effimera.
Ma ho tanta voglia di toccarla, di provarla, di farla mia, anche se solo per un attimo.
Un attimo.
Che è tutto una vita.
In un bacio sfiorato è scivolato il mio mondo.
In una carezza sincera il mio passato.
Nel suo profumo il mio futuro.
Sento il mondo tremare, fremere e spaccarsi in mille pezzi.
Sento rumore di cingoli in lontananza.
Sento le grida di disperazione.
Sento gli spari.
L'acre odore dei corpi bruciati.
E poi vedo i suoi occhi.
E tutto svanisce.
Solo per un attimo.
Perchè la sua magia è quella della vita.
Perchè vorrei mi si desse la possibilità di restare con lei.
Forse per sempre.
O forse per un altro giorno ancora.
O solo per un attimo, il solito, che fugge via.
Ho paura.
E già nostalgia.
Il silenzio d'intorno che rulla sentimenti e ricordi.
E penso a lei.
Che annichilisce le disgrazie del mondo in rovina, perchè inconsapevole.
Perchè intravedo nei suoi sogni e nelle sue aspirazioni quelli di una generazione.
E penso a lei.
Così dolce e così triste. E perciò così bella.
E vedo i suoi occhi illuminarsi per quell'attimo, sempre il solito, in cui un sogno diventa realtà.
L'unica possibilità che abbiamo.
Tutto corre così forte.
E non distinguo.
E non vedo.
E non posso sentire.
Continuerò a camminar e, anche se lontanissimi, a pensare a lei.
Per tutta la vita.

(Francesco Salistrari)

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers