venerdì 28 giugno 2013

Il mistero delle Piramidi.


Un articolo di grande interesse sulle Piramidi che apre nuovi spazi ad interpretazioni alternative alla archelogia ufficiale. Se i risultati degli studi e delle scoperte citati venissero confermati, si tratterebbe di una rivoluzione copernicana nell'ambito non solo dell'archeologia, ma della comprensione storica complessiva. Un articolo suggestivo che vale la pena leggere dall'inizio alla fine.                         


 25.000 anni fa, le piramidi come fonte free energy? 

 

Una scoperta monumentale (ottobre 2012) che,  dopo quattro anni di ricerca geo-archeologica globale, per qualche motivo non è riuscita a raggiungere il grande pubblico.
Sono state rilasciate le prove scientifiche a sostegno della teoria che le piramidi, la cui costruzione è stata datata a 25 000 anni fa, sono state utilizzate come fonte di energia.

Il recente studio rivela che, fino ad oggi,  il più grande complesso di piramidi del mondo trasmette raggi di energia, segnali elettromagnetici inspiegabili dalla nostra scienza. Prove schiaccianti, sostenute dalla ricerca scientifica di tutta la comunità archeologica, dimostrano che la nostra storia registrata, riguardo le antiche culture, è sbagliata.

Il dr. Osmanagich ha indagato sulle piramidi di tutto il mondo, tuttavia la sua recente scoperta delle piramidi bosniache a Visoko, è la più notevole. Le sue incredibile scoperte sono violentemente attaccate dai media e dagli scienziati e ricercatori.

La prima cosa che le potenze mondiali fanno quando i loro sistemi di controllo sono minacciati (ma non possono eliminare l’idea) è di creare un sistema di disinformazione per far credere che potenti tecnologie nuove o antiche sono una bufala. Eminenti archeologi hanno tentato campagne diffamatorie sul lavoro del Dr. Osmanagich per paura dell’impatto che le sue scoperte avrebbero sul loro lavoro.

E’ arrivato il momento di riscrivere i nostri libri di storia, ma ci sono così tante divisioni tra il vecchio paradigma di pensiero e il nuovo che i conflitti tra i due campi hanno continuato a causare la regressione nella comprensione della tecnologia antica, anziché il suo avanzamento...




 
Piramidi bosniache. Prendere nota dei fatti seguenti. (Dr. Osmanagich):
1) Queste sono le prime piramidi in Europa
2) Sono le più grandi e le più estese del pianeta
3) I lati cardinali hanno l’orientamento più preciso sul pianeta
4) Il calcestruzzo trovato è migliore di quanto di meglio si trovi disponibile oggi.
5) Sono le piramidi più antiche del pianeta
6) Sotto le piramidi c'è la più vasta rete di tunnel e camere preistorici trovati da sempre
7) In queste gallerie sono stati scoperti enormi blocchi che pesano più di £ 18.000 ( 8165 kg )

La scoperta della Valle bosniaca delle Piramidi cambia la comprensione della storia europea e mondiale per sempre. Questo vale anche per il calcestruzzo più antico e più forte datato e per la più grande rete di tunnel sotterranei e le camere.

La datazione al radiocarbonio conferma che il Complesso di piramidi bosniache risale almeno a 25.000 anni fa. 

Questo è stato rivelato da un team internazionale di scienziati guidati dal dottor Sam Osmanagich. 

Scoperto nel 2005, il sito di Piramidi bosniache del “Parco Archeologico del Sole”, che ospita la più grande piramide del mondo, ora è il sito archeologico più attivo del pianeta. I risultati del gruppo rivelano anche un raggio di energia, di diametro di 13 metri che trasmette un segnale elettromagnetico inspiegabile misurato a 28 kilohertz proveniente dal centro della Piramide del sole. Questo fenomeno è stato confermato in modo indipendente dal fisico Dr. Slobodan Mizdrak, Ph.D. dalla Croazia, il professor Paolo Debertolis, antropologo presso l’Università di Trieste in Italia, ingegnere del suono Heikki Savolainen dalla Finlandia e ingegnere GoranMarjanovic ingegnere di elettricità dalla Serbia.
La teoria di Dr. Osmanagich è che quel raggio di energia fu il motivo per quale le piramidi sono state costruite, per fornire a antiche civiltà una potente fonte di energia pulita. 

Questa è già una teoria ampiamente supportato dal libro “The Giza Power Plant” di Christopher Dunn pubblicato nel 1998. La Piramide bosniaca del Sole è di 30% più grande della più grande piramide di Giza e recenti scavi hanno portato alla luce un vasto sistema di labirinti sotterranei preistorici, ulteriori prove a sostegno della teoria della centrale elettrica.
E' possibile che il sistema energetico fondato sui combustibili fossili che oggi utilizziamo sarebbe potuto essere evitato se l’opera dell'inventore Nicola Tesla sull’energia libera non fosse stato soppresso? (1856-1943) I metodi di energia libera brevettati di Tesla sono state respinti a causa della loro incapacità di essere misurato e monetizzato. ”Abbiamo urgente bisogno di cambiare il punto di vista sbagliato che i nostri antenati erano primitivi e di accettare che avevano una conoscenza avanzata sul tessuto della natura e dell’universo, proprio come Nikola Tesla, le cui idee sono state soppresse in quanto non si adattano al modello economico imperante, “afferma Philip Coppens, autore e giornalista investigativo. 

“Le piramidi sono la prova che i nostri antenati sapevano e hanno lavorato con una tecnologia energetica che ora siamo finalmente in grado di misurare, ma non ancora pienamente compresa”. Coppens, insieme a Klaus Dona di Austria e decine di relatori hanno partecipato alla Conferenza Internazionale sulle  Piramidi della Bosnia a Sarajevo, Bosnia-Erzegovina, che si tiene ogni anno per rilasciare i risultati al pubblico.


Osmanagich ha beneficiato dell'aiuto di una serie di esperti in vari campi che sono venuti a vedere le piramidi bosniache, e anomalie di misura ad essi associati. Era anche presente il noto scienziato inglese e inventore Harry Oldfield, che ha utilizzato un sistema speciale di ripresa per fotografare la presunta onda elettromagnetica (EM) in prossimità della Collina Visocica.

Le strutture piramidali che sono state costruite in Bosnia e in tutto il mondo più di 10.000 anni fa non possono essere replicate dalla scienza moderna e dalla tecnologia nel 21 ° secolo e non c’è spiegazione nella nostra storia su chi potesse averle costruite .


“Ci rendiamo conto che questo posto cambia la nostra conoscenza della storia e come tale le risultanze dovranno sopportare il duro scrutinio. Il nostro team scientifico interdisciplinare utilizza con attenzione la legittima metodologia della ricerca scientifica, spesso con prove testate da due o più laboratori separati “, ha spiegato il dottor Osmanagich, PhD. ”Nonostante un certo scetticismo iniziale, ora abbiamo un team mondiale di centinaia di leader del pensiero in numerose discipline scientifiche tra cui archeologi, geofisici, ingegneri chimici, fisici, ingegneri elettrici, e matematici in grado di raccogliere prove scientifiche per trovare le risposte.”

Caratteristiche geometriche delle piramidi

Sulla base di numerosi sorvoli aerei e dalle immagini spaziali della Piramide bosniaca del Sole, diventa evidente che le caratteristiche geometriche presenti con tre lati presentano la forma geometrica di un triangolo. Anche se tali elementi si presentano in natura, seppur raramente, una forma precisa è raramente replicata su lati opposti di un cumulo. In questo caso, due lati sono triangoli equilateri, con i lati ben definiti. Immagini satellitari del territorio nella parte centrale della Bosnia-Erzegovina (Landsat, Radarsat, Hyperion, Ikonos, per gentile concessione del Dott. Amer Smailbegovic), hanno indicato che ci sono cinque colline che mostrano apparenti anomalie geospaziali di cui due o più parti sono triangolari. Tutte queste colline presentano i lati triangolari e alcuni hanno elementi di gradini con caratteristiche dettagliate sui lati, e terrazze piatte sulla parte superiore. Nel caso della Piramide bosniaca del Sole, tre su quattro facciate mostrano evidenti caratteristiche geometriche. Una evidenza geologica non è indicativa delle irregolarità significative o processi di glaciazione nella zona che altrimenti influenzerebbero l’esistenza, la geometria e la struttura di queste facciate.



Perfetto orientamento – lati cardinali del mondo
Le misurazioni effettuate dall’Istituto Geodetico della Bosnia-Erzegovina indicano che i lati della Piramide bosniaca del Sole (BPS) sono esattamente allineati con i punti cardinali del mondo (Nord-Sud, Est-Ovest); è una delle caratteristiche spesso notata per le piramidi esistenti in Egitto, Perù, Guatemala o in Cina. Il lato nord della BPS è orientato verso il  nord stellare (come la Grande Piramide d’Egitto), in parallelo con la posizione della Stella Polare.

Analisi geologico-sedimentarie





I risultati dei carotaggi, test di affondamento e di scavo limitato effettuati in agosto e ottobre del 2005, proseguiti nel 2006 e 2007, hanno confermato le precedenti osservazioni e hanno rivelato che la superficie delle piramidi è composta da strati di arenaria e blocchi di breccia  che sono stati trasformati e / o tagliati manualmente per adattarsi alle dimensioni richieste. Il legante trovato tra i blocchi di arenaria suggerisce la presenza di un “clastica breccia”, un conglomerato multicolore composta di ghiaia, pietra arenaria e scisto con una matrice connettivale o cemento composto da particelle di carbonio di sabbia di quarzo, feldspato e scaglie di mica. I lati piatti dei blocchi, la zona di contatto e il legante sono chiaramente visibili. Ulteriori informazioni dettagliate della linea di contatto tra i due blocchi di arenaria hanno rivelato che i blocchi sono stati trattati manualmente sottostante e che la superficie era piatta e liscia, con legante applicato successivamente alla superficie.

Triangolo equilatero di tre piramidi principali





Le tre piramidi principali della Valle bosniaca formano un triangolo equilatero. L’Ufficio catastale dalla contea di Visoko ha eseguito delle misure GPS delle colline e ha stabilito che tutti gli angoli sono simmetrici (60 gradi). Le loro misurazioni hanno mostrato che le distanze tra i tre colli sono uguali (circa 2,2 km) con errore inferiore al 2%, verificando le strutture artificiali.

La geometria, la forma, l’orientamento, i materiali di costruzione – tutto prova la pianificazione e l'esecuzione perfetta del complesso.

Piramide del Sole Bosniaca 





La Piramide bosniaca del Sole, con i suoi 220 metri di altezza, è la più grande del mondo. E' completamente coperta da terreno e vegetazione. Durante gli anni 1950 e 1960, il governo locale ha organizzato l'attività di piantagione i alberi. Gli alberi sono riusciti a crescere solo nella metà inferiore della piramide. Lo spessore del terreno sui lati occidentale, settentrionale e orientale della piramide varia dalla parte superiore (20 cm) a quella inferiore (1,5 metri). Ciò è dovuto all’erosione. Il lato sud, che sembra essere danneggiato, ha uno strato di terreno di 3-6 metri. Questo è il motivo per cui questo lato ha perso la sua regolarità. C'è una prova materiale fisica nelle forme e alcuni monoliti  ben conservati di pietra sono stati rinvenuti durante la campagna geo-archeologica nel 2006-2008 e ancora in corso.


Un radar del satellitare ha penetrato la superficie del lato settentrionale della Piramide bosniaca del Sole di quattro metri. Linee nere dritte mostrano sotterranei – sotto-strutture piramidali. Alcuni di loro si intersecano a 90 gradi.




Piramide della Luna Bosniaca



Con la sua altezza di 190 metri, la Piramide bosniaca della Luna è la seconda più grande al mondo: accanto alla Piramide bosniaca del Sole (220 metri) e superiore alla Grande Piramide di Cheope di Egitto (148 metri). È una piramide a tre lati con il plateau proveniente da Est, che porta alla sommità della struttura. Le altre facciate (nord, ovest, sud) corrispondono ai punti cardinali. Per la costruzione di questa piramide, lastre di arenaria e tegole sono stati utilizzati insieme all’argilla come materiale costruttivo.




Lo studio sul campo archeologico della Piramide bosniaca della Luna mostra che sotto gli strati di terra e legno esiste un enorme pietra / argilla struttura, a tre lati “a schiera” con strada lastricata proveniente da est.

Una rete di tunnel sotterranei

Gli esempi dei principali complessi piramidali in tutto il mondo dimostrano che sotto le piramidi, sono stati costruiti dei passaggi sotterranei e camere. E' il caso delle piramidi di Giza (gallerie collegano le piramidi, sfinge, Nilo), Teotihuacan (metropolitana allargata a 4 camere grotta con passaggi), Passo piramide a Saqqara (metropolitana “labirinto”), la Cina (tunnel sotterranei costruiti in pietra arenaria, mattoni e argilla), Tenerife (grotta-tunnel in Guimar). 






Numerosi reperti di campo suggeriscono che una vasta rete di tunnel esiste nella Valle bosniaca delle Piramidi. Si ipotizza (Principal investigator Semir Sam Osmanagich) che il sistema di tunnel collega tutti gli oggetti colossali, pozzi d’acqua e altre strutture importanti. Gli scavi in ​​corso hanno già evidenziato il ritrovamento di diverse forme di monoliti nei tunnel. Centinaia di metri di gallerie sono coperte da supporto in legno. I tunnel non possono essere pozzi minerari; nessun attrezzo, presenza di carbone, argento, oro o qualsiasi altro materiale sono stati ritrovati e sembrano molto più vecchi dell'epoca medievale o romana.
Il fisico Dr. Anna Pazdur della Slesia Università in Polonia ha annunciato, in occasione della conferenza stampa a Sarajevo nell’agosto del 2008, che un grande numero di reperti archeologici era stato trovato nel corso dei quattro anni di scavi. Ulteriore conferma che i tunnel sotterranei sembrano essere una grande rete artificiale dai tempi preistorici. I campioni di carotaggio dalla Piramide bosniaca del Sole e del tumulo Vratnica  hanno dimostrato le proprietà del migliore calcestruzzo (analisi da Istituto dei materiali dell’Università di Zenica, Bosnia e Istituto di Ingegneria Civile dell’Università di Sarajevo, Bosnia)
La prima Conferenza Internazionale scientifica sulla Valle bosniaca delle Piramidi si è tenuta a Sarajevo il 25-30 agosto 2008. Più di 50 esperti provenienti dall'Egitto (20 archeologi leader, geologi ed egittologi,), la Cina, l’Arabia Saudita, Russia, Polonia, Croazia, Regno Unito, Austria, Bosnia e Montenegro hanno concluso / consigliato


(1) che la Valle bosniaca delle Piramidi è “un importantissimo luogo archeologico che richiede ulteriori ricerche pluridisciplinari,”

(2) che la “Seconda Conferenza scientifica si dovrà tenere tra due anni con specialisti delle piramidi provenienti da tutto il mondo”

(3) “che il Centro Studi Piramide deve essere stabilito a Sarajevo” e raccomandato:

(4) che “un corso archeologico a livello di laurea è da stabilire nelle università bosniache come supporto per la BosnianValley del progetto Piramidi.” –
Docente di archeologia classica presso l’Università di Alessandria Dott. Mona Haggagcalled a detto che tale scoperta “sta scrivendo nuove pagine nella storia europea e mondiale".

Fonte: risvegliodiunadea.altervista.org (N d C : sono state effettuate alcune correzioni di traduzione)
fonte secondaria:  La Crepa nel Muro

1 commento:

  1. Forse stanno iniziando a capire qualche cosa circa il campo elettrico generato dal Pianeta e che potremmo usare per tutte le nostre necessità nel rispetto della Natura. Nikola Tesla l'aveva già scoperto nel secolo scorso ma i criminali affaristi che ancora oggi inquinano il nostro pianeta, hanno nascosto tutti i suoi studi perchè da essi, se fossero stati sviluppati, non avrebbero potuto trarre profitti e grazie a questi CRIMINALI oggi ci ritroviamo il nostro habitat distrutto. Il fatto che molti pseudo scienziati si ostinino a non voler esaminare la possibilità che le loro teorie sull'evoluzione umana possano essere sbagliate, sta a dimostrare tutta la loro supponenza tipica delle persone ignoranti. Un po' di umiltà e un po' di cenere sparsa sul capo, non guasterebbe.

    RispondiElimina

Followers

Google+ Followers