domenica 26 agosto 2012

La presa del Carrefour.




50 ATTIVISTI RUBANO VIVERI PER PROTESTA CONTRO I TAGLI DEL GOVERNO


Assaltato un Carrefour nella città di Merida in Estremadura (Spagna) da una cinquantina persone come segno di protesta per i tagli alla spesa sociale.

I generi di prima necessità rubati, ha dichiarato Victor Casco, un deputato di Izquierda Unida che ha partecipato all'azione, erano destinati alle “90'000 persone che in Estremadura non hanno lavoro né alcun sussidio e che non sanno cosa mangiare”.
Azioni simili erano state organizzate ad agosto vicino a Siviglia e a Cadice, sintomo di un malessere diffuso nel paese che, a fine luglio, ha registrato il tasso di disoccupazione più alto dalla fine della dittatura di Francisco Franco nel 1976.

I manifestanti sono entrati in massa nel supermercato e, dopo aver riempito alcuni carrelli di olio, riso, pasta, latte e legumi, hanno tentato di uscire senza pagare.
La maggior parte dei carrelli è stata intercettata dagli agenti della sicurezza del centro commerciale, mentre la polizia ha proceduto all’identificazione di coloro che avevano preso parte all’assalto.




Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers