venerdì 27 novembre 2009

Civiltà.




Le civiltà vanno e vengono...

La storia è un narratore di luoghi ed eventi,
è il mito di idee e ideali,
è la leggenda di desideri inespressi;
novelle da raccontare intorno a un falò,
cose di uomini e donne,
insomma.

Vicende che si consumano
su di una terra ignara di possedere inquilini,
o forse dolo noncurante
che quando cambia pelle
uccide.

Uccide?

La morte è rigenerazione,
la morte è ciclicità,
la morte è trasformazione,
la morte è...immortalità!

Ma noi siamo umani;
Umani!
Carne e sangue che pulsano,
consumandosi nel miraggio di un'eternità inafferrabile.
Per noi la morte è distacco,
oscurità,
paura,
fine.

La morte...è morte.

E lo spettro della morte
il preludio della comprensione del miracolo della vita,
beffardamente,
quando il miracolo sta terminando
e il sipario sta calando.

Accadrà.

Che il cielo si oscurerà di nuovo,
che il Sole non scalderà più,
che la terra tremerà.

E allora gli uomini vedranno morire altri uomini,
ma attraverso i loro stessi occhi,
e non dal comodo sofà di una vigliacca indifferenza;
e si stringeranno l'uno all'altro,
e cercheranno le briciole di una umanità dimenticata
lottando per il cibo e la sopravvivenza
come bestie tra le bestie,
nel ricordo delle loro antiche origini.

La fine del mondo è cominciata tanto tempo fa,
quando l'umanità è stata smarrita;
quando è diventato troppo tardi per ritrovarla.
E terminerà
quando,
dal fango,
un'altra civiltà annasperà per ricostruirla.

(Sabrina Mugnos, 2009)



prefazione a libro "I Maya e il 2012" di Sabrina Mugnos,Macro Edizioni, 2009.

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers