martedì 3 marzo 2009

Monologo di Caronte.


Guardate nella mia mano destra. Cosa vedete? Non vedete nulla?Come no?Guardate bene. Nella mia mano destra c'è una pillola rossa. Volete sapere di cosa si tratta? Venite con me...

Vorreste trovarvi in tutt'altro posto, invece di essere qui nel vostro piccolo ufficio? Vorreste essere in tutt'altra parte della terra invece di essere qui, nella vostra automobile lanciati per chissà dove? Vorreste essere in una regione inesplorata della terra, invece di essere qui a piangervi addosso per i vostri affanni? Vorreste essere su di un piccolo lembo di sabbia finissima baciata dal mare color del rubino ed ascoltare il canto sincero delle onde portare a spasso il tempo? Vorreste essere proprio lì a sorseggiare dolce nettare di cocco rilassandovi all'inafferrabile pensiero dell'eternità?

Si?Ho sentito bene? E' si la vostra risposta? Siete proprio sicuri?

Allora amici miei, prestatemi solo un pizzico di attenzione, regalatemi per un attimo la vostra compiacenza e statemi ad ascoltare, perchè ho una cosa molto importante da dirvi. Ma prima che cominci, vorrei rendervi partecipi che non è la prima volta che sostengo questo discorso, chè già in passato sono stato chiamato a rendere conto e a spiegare il significato di questa pillola rossa. Siete dunque davvero interessati ad essa? Non arrabbiatevi, me l'avete già detto, d'accordo, allora cominciamo.

Innanzitutto permettetemi di presentarmi e scusate se non l'ho fatto prima. Il mio nome è Caronte, e di mestiere faccio ciò che nessun altro può fare: traghetto le anime dei vivi dove solo i morti potrebbero arrivare.Non avete capito vero? Non importa, avrete tempo per capire.Venite con me, seguitemi...

Allora.

Adesso siamo qui, e siete tutti di fronte a me, e pendete dalle mie labbra. Siete pronti ad ascoltare ciò che le vostre orecchie non hanno mai sentito? Siete pronti a vedere ciò che i vostri occhi non hanno mai avuto il coraggio di guardare?

Allora, allungate le vostre mani e prendete la pillola rossa. Bene così, non abbiate timore ce n'è per tutti. No, piano, non ancora, non è venuto ancora il momento di mandarla giù. Prima ascoltate ciò che ho da dirvi. Una volta inghiottita la pillola non ci sarà più ritorno. Dovrete rinunciare alla vostra vita. Tutto ciò che siete, tutto ciò che possedete, tutto ciò che avete fatto, perderà di consistenza.Diverrete qualcosa di diverso, diverrete tutt'uno con l'universo ed i vostri affanni, i vostri pensieri, smetteranno semplicemente di esistere.

Una volta inghiottita la pillola, ruzzolerete insieme alla vostra anima in un profondo pozzo nero e vi distaccherete da essa. E starà solo a voi e solo a voi decidere cosa essere. Camminate attraverso il tunnel nel quale vi troverete e davanti a voi poco dopo apparirà una grande porta d'argento dai battenti d'oro massiccio. A custodia di questa porta troverete un grosso mastino nero dal collare a punzoni anelante il vostro sangue. Ci sarò anch'io con voi, ma non potrò proteggervi dalle sue fauci. C'è solo un modo per sfuggire al grande cane nero e attraversare la soglia d'argento indenni e senza anima ed quello di rispondere a questa semplice domanda che una volta lì sarò costretto a rivolgervi. La domanda è questa: "Siete pronti ad accettare tutto ciò che vi sarà chiesto di fare ?".

Bene, se la vostra risposta sarà si la porta si aprirà davanti a voi ed il cane nero vi lascerà entrare senza opporre resistenza.

Ma attenzione, rispondere a questa domanda non è così semplice come potreste credere, perchè il grande mastino avvertirà i vostri tentennamenti e le vostre insicurezze e non farà altro che nutrirsi di esse e delle vostre carni.

Allora, fino ad ora vi è tutto chiaro? Si?

Allora proseguiamo.

Siete pronti? Inghiottite la pillola…

e buon viaggio...

L'avete fatto? Si?

Bene... venite con me...e non abbiate paura, qui non c'è nulla da temere...

Benvenuti nel mondo dei sogni.Lasciatevi alle spalle tutti i vostri timori, qui l'unica cosa che ha senso siete solo voi stessi.

E siete diventati mescalina.

La vostra anima è fuggita via.

Non la ritroverete più.

Dai, su coraggio, seguitemi e quando vedrete il cane nero rispondete con sincerità...

Eccolo.

Mescalina...

Mescalina...

Mescalina...

Il mondo dei sogni è di fronte a voi, sta solo a voi decidere se entrare o morire.

Ricordate solo una cosa....qualsiasi cosa vi accada, essa accadrà solo perchè avete fatto in modo che accadesse...

Ascoltate...

E’ il suono dei vostri ricordi che fuggono, il rumore che sentite.Non abbiate timore, dove stiamo andando i ricordi non servono più.

Anzi è proprio per fuggire dai ricordi che siete qui, dico bene?

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers