giovedì 11 febbraio 2010

Neoplasia d'amore.






Tocco le cose e, simile a Medusa, le trasformo in pietra,
i miei capelli serpenti,
i miei occhi dardi avvelenati,
la mia bocca alcova di maleficio.
Catene sono le aspettative degli altri,
catene sono i loro sorrisi bugiardi,
la loro finta comprensione.
Sono il cancro malato dei sentimenti degli altri.
Prima o poi questa neoplasia finirà con l’uccidere anche me.

(Francesco Salistrari, 2010)

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers