sabato 13 febbraio 2010

Camminare.















Un vecchio stanco che cammina per strada,
occhi distanti,
rughe come carta strappata.

Gli anni son passati,
troppo presto,
troppo uguali a se stessi.

E la sofferenza ha disegnato i suoi lineamenti,
spietata scultrice del volto della gente.

Quanti chilometri hanno percorso le sue gambe!
Quante albe e tramonti hanno scorto i suoi occhi!
Quante volte il suo petto si è alzato e abbassato,
mai domo.

La vita gli è scivolata via una goccia alla volta,
simile ad un rubinetto difettoso.

E' questa la vita.
Per lui e chiunque altro.
Continuare a camminare è la sola cosa che possiamo fare.


(Francesco Salistrari, 2010)

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers