mercoledì 15 luglio 2009

Una merda col fiocco.


Sinistra di Opposizione e Partito Democratico. Cosa hanno in comune? Solo la collocazione parlamentare, appunto a sinistra dell'emiciciclo. Ma aldilà di questa mera collocazione geografica, l'unica cosa che accomuna questo partito a ciò che storicamente e socialmente ha rappresentato l'opposizione in questo paese, rimane solo la sua base elettorale. La povera gente che ha visto continuità laddove non ce n'è.
Cosa ha di Centro, allora questo PD, cosa ha ereditato dalla vecchia concezione Democraticocristiana della politica? A parte uno scolorito richiamo ai "valori cattolici", solo uomini che dall'esperienza democristiana hanno tratto il massimo insegnamento in quanto a furbizia politica, trasformismo, avversione al cambiamento.
Eppure un cambiamento sostanziale in Italia c'è stato: Berlusconi. Che ha dato prova di quanto gli italiani anelino un cambiamento del sistema politico. Purtroppo, l'illusione sta proprio in questo, di aver visto cioè una svolta laddove invece si annida il nero dell'Italia, la conservazione più retrograda, l'antidemocratismo più sfrenato, l'affarismo più svergognato. Berlusconi si è semplicemente mascherato da rinnovatore, in realtà si è portato dietro le stesse persone, gli stessi progetti, gli stessi metodi dei suoi predecessori e maestri (Craxi? ;)...
Il punto è questo: a parte grandi illustri decaduti a colpi di condanne della magistratura, la politica nostrana è sempre la stessa. Stessi uomini da un lustro, stessa ideologia, stessa arroganza, stessa impunità.
E' di questo che gli italiani dovrebbero rendersi conto, non di altro.
Il sistema di favori, la mafia, gli appalti e i concorsi truccati, le raccomandazioni, le truffe, i falsi in bilancio, il riciclaggio del denaro. Sono quelli di sempre.
Cambia solo lo stile di facciata.
Ma ad una merda potete pure mettere il fiocco, sempre merda resta.


A Beppe Grillo.

(Francesco Salistrari, 2009).

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers