lunedì 29 giugno 2009

SOLITUDINE

A volte la solitudine è come un rifugio,
una spessa coperta di lana con cui proteggersi dal freddo.
A volte la solitudine diventa un'armatura formidabile
contro i colpi sferrati dalla malizia della gente.

A volte.
La solitudine, sussurratrice di pensieri nella notte,
musa ispiratrice di lettere mai lette,
voce suadente della luna.

A volte.
La solitudine è come un bacio,
lasciato ad asciugarsi sulle labbra,
tenero, infantile, coinvolgente.

A volte.
La solitudine è una maschera di cinismo,
per nascondere il proprio volto al mondo,
celando il vero senso di quello sguardo.

A volte.
Ma solo a volte.
Perchè il più di queste volte,
la solitudine è altro.

È silenzio, è paura, è nostalgia, è angoscia.
È il chiarore della luna che distorce i lineamenti del viso,
è il vento che fa sbattere il ramo di un albero sulla finestra,
è il rumore del tuono in lontananza, simile al borbottio di un demone.

A volte, il più delle volte.
La solitudine è un viso che scruta dal buio,
destando gli incubi infantili,
è una mano gelida che ti accarezza la pelle mentre dormi,
è il suono sinistro di una risata in una strada deserta.

A volte, il più delle volte.
La solitudine è un veleno,
è il sonno della coscienza, è il marchio di Satana,
è sangue rappreso su un muro, testimonianza di dolore,
è sconfitta, è una partita persa ai rigori.
E' pianto, lacrime mai asciugate.
E' ciò che ti prende in giro e si fa beffe di te,
è il calamaio di un notaio che decreta uno sfratto,
è la firma in calce su un certificato di morte.

A volte, il più delle volte.
La solitudine non è una scelta, non può essere una scelta.
Anche se lo sembra.
Non è un destino, ma un caso.
E' l'ennesimo giro storto di una ruota senza ingranaggio.
E' l'ennesima beffa di questa tragedia chiamata vita.
E' l'ennesima burla di un clown senza sorriso.
La solitudine.
Una parola.
Un'esistenza.

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers