martedì 27 aprile 2010

Il mio tempo.


Non ho altro che questa testa per pensare e queste mani per battere sui tasti stanchi
di un computer.
Sono l'assassino del mio tempo, spietato, senza lacrime.
Uccido i miei giorni cancellando qualcosa, riscrivendone altre.
Uccido il mio tempo con cinismo, senza paura, pur sapendo in fondo a me stesso che un giorno
non ci sarà più giorno da uccidere e allora il mio cinismo si trasformerà in vendetta.
Non ho altro se non queste dita veloci e pasticcione, questa lingua lunga e velenosa,
stupida, semplice, codarda, testarda.
Non ho altro se non il peso sullo stomaco da eliminare.
Il mal di denti da calmare.
Il mal di testa da assopire.
Chiudo gli occhi all'alba, perchè dolce mi è la culla della notte, capace di lasciarmi
solo con i miei pensieri e le mie storie.
La notte è silenziosa, a dispetto del giorno rumoroso. E' premurosa, a dispetto del giorno
ciarliero. La notte è la calma dell'anima mia e mi concede un attimo di infinito,
vale a dire quell'unico istante capace di dar forza alla mia voce, di dar senso ai miei
pensieri.
Sono l'omicida del mio tempo. Ne sono certo. Perchè il tempo vola via e ancora non comprendo
nessuno dei misteri del mondo.
Sono l'omicida dell'unica cosa che abbia veramente valore. Aldilà dei soldi e delle
cose di cui ci circondiamo ingordi.
Il tempo è l'unico interesse che dovremmo avere.
Io sono il primo a sperperarne la ricchezza.
Sono il conto che non torna. Sono l'imbroglio nella fattura.
Perdo il mio tempo, non c'è dubbio e sono convinto che ci sia qualcuno pronto a maledirmi
per questo, a deridermi, a sbeffeggiarmi.
Voglio che lo sappiano: sono con loro, in tutto e per tutto.
Perdo il mio tempo, di sicuro.
Parlo di cose lontane, luoghi inesplorati, persone mai esistite, mondi paralleli.
amori perduti, ricordi sfumati, pianti asciugati.
Perdo tempo dinnanzi alle ombre di un'illusione e divento parte di essa.
Lascio tempo alle mie spalle.
Ma lo regalo a voi.
Che, sono, sicuro saprete farne tesoro, molto meglio di me.

(Francesco Salistrari, 2010)

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers