giovedì 19 febbraio 2009

Venite con me



Sento il cielo cadermi nell’anima, mentre il mondo intorno svanisce in una bolla lucida di sapone. Ascolto parole incomprensibili, forse di un’antichissima lingua caduta ormai in disuso e mentre precipito, nel mio cuore tutto sembra così assurdamente piacevole da far sembrare il più bell’orgasmo un’inezia. Il pianto dei bambini dell’Africa si è trasformato in festa ed il volo degli uccelli descrive figure bellissime, il caldo si è trasformato in abbraccio ed il freddo in carezza, la fame in compagna meravigliosa e la paura in un’ottima giocatrice di bridge, mentre la morte accarezza le sue antiche vittime come una mamma amorosa. Il mondo che conoscevo ormai non esiste più, le sue regole infrante e stravolte, i suoi colori invertiti, le sue assurde convenzioni annientate dalla forza cosmica che sento in fondo a me, che si espande, diventa immensa, inarrestabile, stupenda, ammaliante come il canto di una sirena bellissima. Il mio cuore si riempie di gioia e tutto non ha più importanza. Vedo figure indecifrabili danzare come le ombre degli alberi al vento, ammiro balletti di anime destinate a gioire per l’eternità che si avvolgono in erotici abbracci carichi di lussuria e piacere e gioisco con loro, anche se non ne faccio parte, anche se ancora il mio posto è lassù (o quaggiù), nel mondo vero, quella fantasmagorica ed inutile caccia alla lepre dove la lepre siamo noi stessi.

Solo ora, in questo meraviglioso mondo di luce e calore, di bellezza e sincerità, capisco l’inutilità della vita. Della vostra vita, di quello stupido balletto in cui ognuno si nasconde dietro un filo d’erba convinto di nascondere la propria identità. Lasciatemi che vi dica che le vostre sono solo illusioni oppure chiamate me illuso perché adesso sto sognando un mondo diverso, dove ogni cosa mantiene quel calore e quella vicinanza che solo l’amore può dare.

Si, sono un’illuso, il più grande, il più fottutamente incallito illuso di questo mondo. Se l’amore è un’illusione, allora la vita reale, quella piatta e inconsistente menzogna che ci diciamo in faccia ogni giorno, altro non è se non la più grande di esse.

Adesso, intanto, sono qui, a colorarmi di luce ed emozioni, in un mondo in cui le illusioni sono la legge e la regola di un universo d’amore e bontà. Fatevi da parte e raggiungete quest’oasi. Vi sto già aspettando.

Nessun commento:

Posta un commento

Followers

Google+ Followers